Saponette esfolianti con gusci di noce

Siete amanti dei prodotti cosmetici fai da te?

Realizzare delle saponette esfolianti con gusci di noce è facilissimo e richiede meno tempo di quanto potete immaginare!

Per preparare circa tre saponette vi serviranno questi ingredienti:

  • 22 g olio di cocco
  • 66 g olio di palma
  • 81 g olio di mandorle
  • 2 g lanolina
  • 23 g idrossido di sodio (soda caustica)
  • 56 g acqua depurata
  • Gusci di 5 o 6 noci
  • Essenza profumata a piacere b.

 

Procedimento:

Frantumate grossolanamente i gusci di noce con un mortaio, quindi frullateli fino ad ottenere dei granelli molto piccoli. Passate la polvere così ottenuta con un colino, per eliminare i frammenti più grandi, quindi mettete da parte la porzione più fine.

In un vasetto di vetro, mettere l’acqua ed aggiungere poco alla volta la soda caustica (e non viceversa) facendo attenzione poiché il composto si surriscalda molto velocemente. Mescolare con un cucchiaino finchè la soluzione non diventa limpida, quindi lasciar raffreddare qualche minuto.

In un contenitore di vetro pyrex far sciogliere a bagnomaria gli oli e la lanolina, mescolando lentamente fino ad ottenere un liquido omogeneo, quindi aggiungere la soluzione di soda caustica e mescolare un paio di minuti.

Con un frullatore ad immersione, frullare il composto fino a renderlo ben omogeneo, raggiungendo una consistenza cremosa.

Ora potrete aggiungere le essenze profumate nella quantità che più vi aggrada e, per ultimi, i granelli di gusci di noce, mescolando con una spatola o un cucchiaio.

Infine, versate il sapone negli stampi in silicone e fate raffreddare per almeno 24 ore.

Dopo aver sformato le saponette, è consigliabile lasciarle riposare qualche giorno prima di utilizzarle, così da farle asciugare e solidificare per bene.

Il sapone così ottenuto si può utilizzare sia per la detersione delle mani, sia per il viso, poiché risulta molto delicato. Inoltre, la sua composizione eviterà quella fastidiosa sensazione di “pelle che tira”, causata spesso da saponi commerciali più aggressivi.

 

Preparato dal Dott. Bruno Emilio

magazine